venerdì 30 agosto 2013

Centro benessere?

(la camera di Diana e Alice alla Sorgente Smandrappata)
 
Vacanze in centro benessere, avevano deciso Diana e Alice. Facciamoci una botta di vita, prima che ricominci la scuola (l'Università per Diana, la scuola elementare per la piccola Alice). Andiamo in una spa. Non lontana da qui, non ci vogliamo stressare con lunghi viaggi sulla vecchia Seicento di Dianuzza.
Detto e fatto. Il Centro Olistico Sorgente Smandrappata le ha accolte per una settimana, con i suoi bagni di melma, le sue tisane di Datura stramonium, i suoi massaggi col breccino, le sue terapie a base di bagni di vento e abbraccio di alberi, la sua cucina alternativa a base di pluri-ball ammollato nell'aceto (balsamico, però), il silenzio delle sue notti stellate con i generatori accesi a tutto spiano dietro la finestra della loro camera,  vicino alla quale trovavasi anche il Centro di collaudo dei trattori Same.
 
Sono state ben felici di tornare a casa, e il piacere che hanno provato al loro ritorno le ha convinte che una settimana al Centro benessere ci vuole per tutti.
 
 
                                                                         Diana

11 commenti:

annalizard ha detto...

Questa convinzione penso dipenda dagli effetti delle tisane di Datura stramonium....in effetti se c'e' una cosa che non mi attira sono proprio queste Spa dove bevi acqua puzzolente, ti cospargi di fango, ti fai palpare brutalmente da degli sconosciuti, muori di caldo e sudi a tutto spiano annoiandoti beatamente.
Lo credo che poi sei felice di tornare a casetta!
Annalisa

il monticiano ha detto...

Mi pare giusto, anche più di una settimana al Centro benessere della Smandrappata.
Diana ed Alice due tesori.

Kylie ha detto...

Che bella la vacanza nella spa...

Un bacione e buon fine settimana!

Lypsak ha detto...

Massì! Massaggiamole per benino, povere stelle! Anche se io continuo a preferire il rotolamento libero su spiagge incontaminate e il tiro al cittino scassamaroni. Le trovo attività molto appaganti. Senti se hanno voglia di provarle in futuro, dopo i bagni di fanghiglia!

cinciamogia ha detto...

Cos'è il tiro al cittino scassamaroni? Dal nome mi sembra un'attività che potrei intraprendere volentieri!

Lypsak ha detto...

@cinciamogia: te prendi un cittino (=bambino al di sotto dei 12-10 anni di età ma superiore ai 3), valuti il suo grado di scassamaronamento e poi decidi se tirarlo in aria tipo piattello o fare il gioco delle tre palle con le sue ditina. Esistono molte varianti legate anche a un certo grado di aderenza alla legge del contrappasso, ad esempio se il cittino di schizza con l'acqua, puoi interrarlo nelle sabbia rovente e/o annegarlo a secchiellate.

Maria Gabriella Bartocci ha detto...

Lyppa, sei un mito. Ti fa una sega a te l'Erode Fan Club.

cinciamogia ha detto...

Lo sapevo che il tiro al cittino faceva per me. C'è una federazione che mi iscrivo?

Lypsak ha detto...

Fondiamola donne, fondiamola!
E chiamamola "Associazione culturale EEUD - Erode Era Un Dilettante"!

Lypsak ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Nou ha detto...

Io ho passato una bella vacanza così, non quest'anno, oltre al rumore, dalla finestra entrava il puzzo di fritto e di grasso della cucina.
Nou