giovedì 26 giugno 2008

Dov'è Sonia Marra?


MarraSonia1
Inserito originariamente da susannucciauccia

Ieri vi ho parlato di Sonia Marra.
E' dalla sera del 16 novembre 2006 che è scomparsa.
Quando ne parlo in giro, nessuno ne sa niente.
Sonia Marra?... Chi è?... Di Perugia?... Sparita?... Davvero?!?.... e quando?...
I giornali locali di lei hanno parlato poco. Forse perché il suo nome è legato a quello degli ambienti ecclesiastici. O forse non è interessante per qualche altro motivo, chi lo sa.
Lavorava a Montemorcino, alla Scuola di Teologia. E forse aspettava un bambino.
Forse.

3 commenti:

Gaja Cenciarelli ha detto...

Impossibile, INSOPPORTABILE che una ragazza scompaia così e nessuno si indigni.
Grazie, Susanna, perché fai in modo che la gente ricordi. Abbiamo pochi mezzi a disposizione, e la scrittura è uno di questi. Usarla come "scrittura civile" è, a volte, un dovere.
Un bel bacio a te, a Ibadeth e alla tua mamma.

ire ha detto...

Sono profondamente indignata. L'attenzione dei media si è abbassata indecentemente su questo caso o, sarebbe meglio dire, è stata costretta a indietreggiare... per non intaccare ambienti ecclesiastici... non sia mai. Persino il programma tv "Chi l'ha visto?" è stato azzittito soltanto per aver avanzato un'ipotesi che alludeva, con una certa prudenza e con fare molto cauto, al coinvolgimento di cariche ecclesiastiche. Poi, il silenzio. La famiglia abbandonata a se stessa, all'angoscia. Come ex studentessa universitaria proprio a Perugia e come leccese sono profondamente dispiaciuta per l'accaduto, ma profondamente incazzata per l'indifferenza dei media intorno al caso. Diciamoci la verità, la nostra attenzione su un caso è proporzionale a quella creata dai media. Da quel novembre 2006 a nessuno importa sapere che fine abbia fatto una tranquilla studentessa di 25 anni? Che succederebbe se migliaia di studenti pressassero per avere più notizie sulle indagini? E no, lì poi, c'è il silenzio più assoluto, da prassi. E i nomi sul registro degli indagati? Nessun nome davvero? Le indicazioni sono state date e come. L'uomo visto entrare nell'appartamento della ragazza aveva le chiavi, dunque lei lo conosceva. Dunque la cerchia è molto ristretta e l'ambiente di Monte Morcino è la risposta. Se ne è parlato, poi è calato (è stato imposto) il silenzio. Perché dubitare, fare illazioni, diciamo anche fare alcuni nomi sul registro degli indagati e renderlo noto è legittimo, ma fare certi nomi non lo è. Dall'estero guardo con tristezza spiattellato in prima pagina il culo dei Vips, le tangenti di Del Turco, i casi di cronaca nera. Ma nel silenzio totale, nell'ombra, nel vuoto cupo e triste, vaga la storia di questa ragazza che è sparita nel nulla.
Mi dispiace per la famiglia e la sorella Anna che, a Perugia da mesi, non si da pace, come non me ne sarei data io, al suo posto, avendo avuto anch'io una sorella studentessa a Perugia.

Susanna ha detto...

Hai ragione, Ire. Se in un caso è vagamente coinvolto l'ambiente ecclesiastico, si mette la sordina. Lo sapevi che non sono nemmeno state autorizzate le intercettazioni ambientali nell'ambito delle indagini sulla Scuola di Teologia?
Non credo che "Chi l'ha visto?" abbia paura: se no neppure avrebbe tirato fuori la storia, ti pare? Credo che debbano stare dietro a tante cose...
Una cosa di quello che hai detto mi ha interessato in modo particolare, ovvero che se tutti gli studenti si mettessero a manfestare, qualcosa si muoverebbe. Allora, perché non lo fanno? Perché magari non organizzi tu la cosa, se puoi? Intanto, il mio post aveva l'intenzione di diffondere la cosa. Non bisogna lasciare che Sonia venga dimenticata, povera anima, bisogna che tutti lo sappiano. Non pretendo di vedere un prete in galera - quello non succede quasi mai! - ma che almeno la cosa si sappia. Diffondiamo la notizia, soprattutto a Perugia; facciamolo sapere, Ire...
Se conosci Anna, abbracciala da parte mia.
gatta susanna