domenica 13 febbraio 2011

La serie dei mini-misteri

Tempo fa ho raccontato di alcuni piccoli misteri nella vita della povera Susanna ed oggi pomeriggio, ripensandoci, mi sono resa conto che ce n'è uno anche nella mia. Niente di che, intendiamoci: una di quelle piccole cose che uno non riesce a spiegarsi anche perché non c'è nessuno, per vari motivi, in grado di farlo.
Il mistero è questo.
Io sono una di quegli albanesi approdata nel Bel Paese via gommone e di certo non avrei mai pensato che avrei fatto, sia pur per breve tempo, l'insegnante di lingua. Mi capitò tuttavia il caso di un ingegnere edile che, dovendo andare per lavoro in Albania (credo avesse delocalizzato lì una ditta di materiale edile) volle imparare le lingua albanese. Lo accontentai e per un anno venne due volte la settimana a casa mia per addentrarsi nei misteri dell'idioma balcanico. Nei ritagli di tempo, mi raccontava di sé e mi disse che aveva scritto e rappresentato varie commedie dialettali in città. Mostrò di conoscere i teatri locali, parlò diffusamente degli attori in vernacolo dando a vedere di essere in confidenza con molti di loro, mi raccontò anche alcuni gustosi aneddoti che li riguardavano. Era un tifoso della squadra locale ed una delle storielle che mi narrò riguardava una partita cui aveva assistito con suo figlio.
Fin qui, nulla di stravagante. Il corso di albanese finì, io non vidi più il tipo (anche se andai spesso con Susanna a vedere le commedie in vernacolo), altre vicende accaddero ed io dimenticai completamente l'ingegner Gedeone Alfano Poggi (ché tale era il suo nome).
Un giorno conobbi una giovane attrice che recitava in dette commedie. Era napoletana, e sosteneva sempre la parte della bella "straniera" arrivata a turbare la tranquilla routine di una famiglia borghese perugina. Andammo alcune volte a cena insieme con lei e Susanna e mio marito Tarquinius le disse che io conoscevo l'ingegner Alfano Poggi, cui avevo insegnato l'albanese. L'attrice confermò che anche lei lo conosceva e si disse stupita della ragione per cui il tipo aveva voluto apprendere la mia lingua: non le risultava che avesse aperto una ditta in Albania, anche perché, a quanto ne sapeva, insegnava estimo in un Istituto locale. Comunque, disse, poteva anche darsi che collaborasse con il proprietario di qualche ditta. Quando le narrai l'aneddoto che l'ingegnere mi aveva riferito, in cui era coinvolto il figlio, si mostrò ancora sorpresa perché non le risultava che il tizio avesse figli e nemmeno che fosse sposato.
A questo punto Tarquinius espresse dei dubbi sul fatto che si trattasse della stessa persona. 
Io insistetti che il commediografo era lui: mi aveva anche regalato un libretto che conteneva sette delle sue commedie! Del resto, che a Perugia ci fossero due ingegneri edili di nome Gedeone Alfano Poggi, che per hobby rappresentavano opere in vernacolo, beh, mi pareva una coincidenza impossibile. A Perugia. Cittadina di duecentomila abitanti. Mah.
Qualche tempo dopo, ebbi l'occasione di conoscere personalmente il commediografo, giacché la nostra amica Madama Grazia, la proprietaria della Food Farm  (che durante la sua carriera d'insegnante aveva rappresentato a scuola alcune sue commedie), mi aveva mandato a casa sua con l'incarico di ritirare la fotocopia di una sua opera che nel libro non era contenuta.
La casa dell'ingegner Alfano Poggi non era lontana dalla Food Farm e io mi resi subito conto che il tizio, pur non giovanissimo, abitava ancora con l'anziana madre. Non era sposato, non aveva figlioli, insegnava in una scuola ed era prossimo alla pensione, tanto che ci raccontò che non vedeva l'ora di lasciare l'insegnamento per dedicarsi unicamente al teatro.
Inutile dire che non riconobbi in lui nessuno che avessi mai conosciuto.
Tarquinius gli raccontò la storia delle lezioni di albanese e gli chiese se, per caso, non avesse qualche parente col suo stesso nome, anch'egli dedito alle opere in vernacolo. L'ingegnere scosse il capo, sorpreso: l'unico Gedeone Alfano Poggi di Perugia era lui, né gli risultava che vi fossero altri, anche con un nome simile, che scrivevano commedie.
Tarquinius, appena uscito dalla casa, disse: "Ma a chi cappero hai insegnato albanese, tu?"

Questo era l'aneddoto che il sedicente Alfano Poggi mi narrò. Era tifoso del Perugia ed aveva sempre cercato d'inculcare in suo figlio lo spirito sportivo, pacifista ed il rispetto per le squadre avversarie. Essendosi recato col rampollo ad una partita della squadra del cuore con la nemica Ternana, mentre tutti tifavano per il Perugia ed urlavano contestualmente minacce sanguinose all'avversaria, egli ripeteva: "Vedi, Gilberto, lo sport affratella, è capito, cocco? AFFRATELLA!" e il figlio: "Certo, bebo, c'è ragione, affratella, affratella, e sì che 'nn è vero!" e intanto scandiva verso il campo con voce tonitruante: "DEVI MORIRE!!! DEVI MORIRE!!!"

(Nella foto: la Via Ritorta, suggestivo vicolo di Perugia).



19 commenti:

Lyppa ha detto...

SUSPENCE!
M'hai appiccicato addosso una curiosità pari solo alla smania di sapere come inizierà la seconda serie di "Sherlock" (che ti consiglio vivamente in quanto fatta molto bene e in quanto lui è uno gnocco e assomiglia a un mio compagno di università, sfortunatamente - per me - gay).
Forse dovreste telefonare a Lucarelli e proporgli la quest per una puntata di Misteroooo oh oh.

Fulvia Leopardi ha detto...

ti segnalo il sito di un amico, 'na roba che a te potrebbe piace'

http://netblogpunzi.blogspot.com/

il monticiano ha detto...

Continuerò sempre a ripeterlo, scrivi delle cose esilaranti al mille per mille.

ANNALIZARD ha detto...

Oddio, anch'io son proprio curiosa di scoprire chi si celava sotto false spoglie..oltretutto questa storia me ne ha ricordata un'altra altrettanto inquietante raccontatami da un amico (la notte non ho dormito...brr...).
@Lyppa, come sarebbe che inizia una serie di "Sherlock" (addirittura la seconda!).Anch'io sono una patita e mi piacerebbe sapere dove la trasmettono, grazie!
Scusa Gabri se ho approfittato del tuo spazio per quest'appello!
Annalisa

Lyppa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lyppa ha detto...

(scusate, m'era venuto di cacca)

@Annalizard: esatto!!! sulla BBC è uscita una serie clamorosamente bella di tre puntate da 90 minuti ciascuna davvero stupenda e che secondo me rende perfettamente omaggio al nostro vecchio amico Sherlock Holmes... La trovi su anime DB in streaming (in lingua originale sottotitolata in italiano, hanno voci da paura).
In Italia deve ancora uscire, in verità (e non oso pensare come doppieranno i personaggi, quindi io fossi in te me la guarderei in originale), e dovrebbe accadere in quest'anno... per la seconda serie Wikipedia enuncia le seguenti verità:
"The BBC has confirmed that a second series of three 90-minute episodes will air in late 2011. Detailed information about the new episodes is not publicly available, but Steven Moffat told The Guardian, "You can have three words to work from: Adler, Hound, Reichenbach. Those are your clues." Mark Gatiss confirmed on Twitter that filming for the second series would begin in May"

Vorrei davvero sapere come proseguiranno dopo l'ultima puntata della prima serie... No, via non ti dico niente, se ami Conan Doyle questa serie non può non piacerti :D
Ok, ora basta occupare inutilmente lo spazio di questi commenti :D

Ibadeth ha detto...

Non c'è problema, occupate pure, fanciulle!

bussola ha detto...

ma ce lo farai sapere chi si celava dietro il tuo alunno di albanese? o ancora non l'hai scoperto?

Ibadeth ha detto...

Non l'ho scoperto mai! E' uno dei misteri irrisolti della mia vita!

ANNALIZARD ha detto...

Gabri scusa se approfitto per ringraziare Lyppa della dritta!
Adesso mi fiondo su "animaDB"(di cui non so assolutamente niente!!).Io m'ero comprata tutta la serie (che ancora adesso danno su Hallmark)de "Le avventure di S.H." con il grandissimo Jeremy Brett.
Grazie ancora!
...e grazie alla padrona di casa!;D
Annalisa

Ibadeth ha detto...

Lyppa è un mito.

cinciamogia ha detto...

Un furto di identità? E a che scopo? Mistero, davvero.

alianorah ha detto...

Io una volta ho insegnato l'italiano a George Clooney. E poi lui si è messo con la Canalis.

il monticiano ha detto...

Morbi ti saluta e ti ringrazia per i tuoi complimenti.

Nounours(e) ha detto...

Cara Ibadeth, una cosa così sarebbe potuta accadere anche a me, in gioventù. E' un fatto molto curioso e divertente, veramente divertente e intrigante.
Ciao :)

Lyppa ha detto...

Ripasso solo ora... un mito no, dai! semmai un dito! (cosa sto dicendo?)
Lovvoti! Scrivi presto!

il monticiano ha detto...

Un saluto a te e a tutti gli amici di Susanna.

Nounours(e) ha detto...

Mio figlio èin attesa di diventare papà. La mamma è in clinica da ieri sera. Ho sognato la bimba che nascerà a momenti, Marta la mia nipotina, aveva gli occhi azzurri...vi saprò dire a te e Susanna...
Ciao Ibadeth :)

il monticiano ha detto...

Ciao Ibadeth, grazie della tua gradita visita al mio blog.