sabato 4 febbraio 2012

Le cose che mi danno fastidio, parte II


Ci ha preso gusto, la visoncina Lucy K.K. a redigere la lista delle cose che detesta, ed ecco che ve ne propone un'altra camionata.
Non ha incluso che odia le pellicce di visone per comprensibili motivi.
In compenso non odia la neve... mentre io sì. Ma si sa, lei è un visone, io una ramarra.

Io odio (dice Lucy):

11) Le scatole di cartone in cima ai mobili di casa: fanno tanto retrobottega, tanto provvisorio...
12) Quelli che dicono che si stava meglio quando si stava peggio.
13) Quelli che dicono che i politici sono tutti uguali.
14) Quei distinti signori che alle tesi di laurea intonano: "Dottore! Dottore! Dottore del buco del cul, vaffancul, vaffancul...". Certamente, diverso sarebbe se il tizio si fosse laureato in medicina con una tesi in proctologia: in quel caso la melodia sarebbe appropriata.
15) Le pantofole a forma di muso di animale. Essendo io un animale...
16) Gli applausi sugli aerei, come suggerisce Stéphanie la cincia. Che cappero ti applaudi? La volontà di una divinità capricciosa che per questa volta ha benignamente deciso di non levarti dal mondo?
17) Le mamme che incominciano i discorsi con la pietosa frase "Io, come mamma...." e aggiungono di solito una cosa terrificante che, se proposta da qualsiasi altra categoria, sarebbe bollata con gli epiteti più sanguinosi. Quasi che la maternità fosse il paravento di tutte le nefandezze. "Io, signora, come mamma non potevo non accompagnare mio figlio a spacciare la droga nei vicoli, poverino, di notte dopo come faceva a tornare a casa, pigliava freddo..."
18) Di seguito al comma precedente, le persone che in TV, commentando la sparizione di una donna, affermano proterve che la tipa in questione "non può assolutamente essere andata via volontariamente, è una mamma, mai avrebbe lasciato i suoi figli...". Quando sento frasi siffatte, ricordo sempre la Franzoni che fece secco il povero figliolino a vasate, la tizia che mise la bimba di otto mesi in lavatrice, la sciagurata che l'estate scorsa, alla spiaggia della Feniglia, annegò il pargolino di sedici mesi tenendogli la testa sott'acqua dal canotto, e via truceggiando (voce del verbo truceggiare). Lo so, simili disgraziati accadimenti sono una sparuta minoranza,  ma un po' meno di melassa familistica non sarebbe male...
19) Quelli che a tavola si alzano ogni due per tre e se ne scompaiono nella profondità dell'appartamento a far chissà cosa, lasciandoti come un baccalà di fronte al desco solitario.
20) Quelli che ce l'hanno con gli stranieri perché "non si capisce quel che dicono, in piazza e per strada si parlano tra di loro e dicono cose insensate, sembra che ti prendano per il culo..." E come no, ci son venuti apposta, dalla Moldavia, dalla Colombia o dal Maghreb per sciorinare cascate di sillabe a casaccio e vedere che faccia fai...


6 commenti:

annalizard ha detto...

Siiiii, gli applausi ai funerali e sull' aereo mi fanno venire l'ulcera. Condivido tutti i punti, anzi,quando parli della pronuncia inglese mi viene in mente Barbara Serra che parla l'italiano con l'accento inglese!!!Conosco persone che hanno vissuto una vita in Inghilterra e certo non parlano come lei....ORRRROREEE.
Spero ci sara' una parte III.
Annalisa

cinciamogia ha detto...

Devo confessare: ho scatole di cartone per casa. E' vero che fanno provvisorio, ma io mi sento sempre un po' provvisoria.
Per il resto, concordo!
A proposito di mamme, mi hai fatto venire in mente una delle cose che ritengo più fastidiose in assoluto: la frase "tu non hai figli e non puoi capire". Ha in comune con i tuoi punti 17 e 18 la convinzione diffusa che il semplice partorire un fantolino faccia passare ad uno stato di coscienza superiore ignoto anche a Buddha stesso. Io non ci credo, ma tant'è, non ho figli e non posso capire.

Lypsak ha detto...

Quoto tutto, approvo tutto, ma se posso io il pilota lo applaudo. E non in quanto mamma, ma in quanto claustrofobica: "Pilota, grazie! Grazie di aver svolto decentemente/brillantemente/appena sufficientemente il tuo lavoro! Grazie! Sono viva! Dei, fatemi scendere ADESSO! Non salirò mai più! Grazie pilota!" e poi risalgo. Un applauso di ringraziamento mi ci sta tutto, dai, visto che ho troppa paura della cabala per avere in testa altro che gratitudine :D

Comunque io in quanto non mamma non disdegno i bambini. Degli altri, rigorosamente. Ma chi non è non mamma non può capire.

Kylie ha detto...

Io odio tutte le pellicce.

Un abbraccione

Sig.na Silvietta ha detto...

quoto quasi tutto ma anch'io confesso il mio peccato.. ho le scatole sopra gli armadi.. ma a mio discolpa posso dire che ho la casa minuscola!!
p.s per cinciamogia : anch'io detesto chi mi dice che non posso capire perchè non ho figli!Mi chiedo sempre quanta saggezza potrà mai darmi il fatto di riprodurmi??

il monticiano ha detto...

La saggezza di Lucy K.K. è una virt§ e quindi è da ammirare.
Seguito ovviamente a condividere in pieno il suo decalogo delle cose che detesta.
Le pellicce? Mandare in galera chi le vende e chi le indossa.